ABSTRACT

Sì. Siamo NEVER D LESS Firenze un Marchio fashion symbol felice e straordinario. Felice dello splendore di un raggio di sole, del profumo intenso, muliebre e sublime di un fiore, della lettura di un libro, delle grandi leggi naturali, etiche e morali, trasmesse dalla storia. Un giovane brand straordinario, sopra tutto, perché le cose che amiamo sono così belle nell’essere quello che sono e l’esistenza è una bellezza così calma e diffusa intorno a noi da consentirci di esprimere la nostra espressività creativa attraverso la realizzazione di Sciarpe & Stole incontenibili, ansiose di inserirsi nei vostri Armadi superflui e necessari. I risultati fino ad ora ottenuti premiano l’impegno da noi sostenuto giorno dopo giorno per riuscire a realizzare articoli intriganti, impeccabili, per certi versi audaci, orientati a stupire, o, se preferite, ad essere ammirati con il sorriso delle grandi occasioni, oggi, come domani.

model-workign-with-laptop-backstage-getty
SCRIPT

NEVER D LESS Firenze. Brand fashion symbol fondato nel 2012: CEO Maria Chiara Monticelli. Produzioni hand made di Sciarpe & Stole di alta qualità realizzate utilizzando filati di lino, cotone, ramie, cachemire, seta, prodotti dalla Officina Tessile di Famiglia. NEVER D LESS Firenze, Aspetti & Fascinazioni. Sì, per Mille motivi Mille nasciamo Futuristi, movimento artistico italiano del quale condividiamo gli stimoli creativi: suggestioni liquide, attitudini estetiche glamour, mood dinamici, elettrici e cromatici. Il nostro Meridiano geografico Firenze sottolinea una appartenenza, un esserci rispettoso della nota tradizione artigiana fiorentina. Operiamo su un territorio di frontiera, oggi come ieri e domani, in continuo movimento: si dilata e si restringe, qua e là, chissà dove, sabbie mobili capaci di farti rientrare nel nulla. Indossare una Sciarpa & Stola NEVER D LESSS Firenze rincuora lo spirito, lo sguardo critico, dilata l'ebrezza del portamento, confonde il destino. Un claim: la qualità dell'esperienza contro la quantità della ripetizione.

London Fashion Week, Natural History Museum, BFC Tent.
Backstage at the Michiko Koshino show.
Photo: Edmond Terakopian / PA
Il Rosso è il mio colore preferito!

Lo so, può sembrare una scelta azzarda, comunque sia ho deciso, voglio fare lo Stilista! Da adesso, a partire da questo momento, ogni istante della mia giovane vita sarà dedicato al raggiungimento di questo obiettivo. Dicono occorra il talento. Non ci credo. Dicono sia necessario frequentare scuole prestigiose. Non se ne parla proprio. Dicono anche che senza le opportune conoscenze non si va da nessuna parte. Ma chi lo dice! La qualità del lavoro emerge sempre ed io la penso così. Vedete, in verità, il mio obiettivo recondito è più sofisticato. Non mi intessano gli altri: io voglio vestire solo Lei!

21416SnowC9350
Tentativo di capire il Sole

La Neve è una magia! A dire il vero siamo in attesa che l’Estate prenda il sopravvento su questa bizzarra Primavera, afosa, calda, piovosa, nevrotica, incostante. Il motivo di questa attesa spasmodica lo conosciamo bene: il Sole. Distendersi, in riva al mare, sdraiati su di un lettino plastico cromatico a prendere il sole e bruciare, ardere, fondere, per acquisire quella abbronzatura che ci renderà, così si dice, più che mai desiderabili. Tuttavia, depositati più o meno ignudi, distesi, unti e bisunti, in compagnia dei nostri pensieri, convinti di riposare, affiancati da tantissimi altri come noi disposti al sacrificio pur di perfezionare il nostro incarnato, capita di avvertire la nostalgia della Neve. Magica, lenta, coprente, bianca, luminosa, silenziosa, capace di raccontarci una storia: la nostra nostra.

3515driesC6399
Finale di partita

Uscire di casa, per affrontare il mondo, attraversare una strada, entrare in un bar per prendere un caffè, acquistare il giornale, scendere sotto terra per prendere il Metrò e salire, poco dopo, con un ascensore, al quinto piano, per entrare nello studio creativo dove si lavora, è un’Arte. Cosa c’entra “attraversare una strada”. A dire il vero c’entra e come! Il regista americano Alan Schneider, amico di Samuel Beckett, si trovava a Londra per assistere ad una messa in scena del Finale di partita. Uscì dal suo albergo, aveva fretta, prima di attraversare la strada, prudentemente, guardò a destra, nessuno. Bene, si disse. Ed attraversò. Venne investito da una motocicletta che, ad alta velocità, procedeva da sinistra verso destra. Alan Schneider si era semplicemente dimenticato di trovarsi a Londra, e morì sul colpo. Lo attendeva qualcuno? Sì.

Maria Chiara Monticelli

Maria Chiara Monticelli

CEO
NEVER D LESS Firenze
Arredare l’armadio!

L’impulso è irrefrenabile! Immaginate di svegliarvi, una mattina, dopo aver vissuto una serata perfetta, e di sentirvi piene di energie; con l’idea di prepararvi una sostanziosa colazione vi alzate di scatto e lo sguardo si sofferma sul vostro armadio, all’interno del quale, protetto e ordinato, il prezioso guardaroba. Vi alzate di scatto, aprite lo sportello o fate scorrere la parete mobile, poco importa: un delirio! No, così non è possibile andare avanti. E senza indugio, prese da un impulso incontrollabile, tirate fuori tutto, gettando giacche, camice, gonne, pantaloni, dove capita. Un secondo delirio! Appagate, andate in cucina per prepararvi la colazione, terminata la quale, vi vestite come capita ed uscite. Tornerà tutto al suo posto, vi dite: il vostro Caro Nome vi aspetta e come al solito siete tremendamente in ritardo!