ABSTRACT

Sì. Siamo NEVER D LESS Firenze un Marchio fashion symbol felice e straordinario. Felice dello splendore di un raggio di sole, del profumo intenso, muliebre e sublime di un fiore, della lettura di un libro, delle grandi leggi naturali, etiche e morali, trasmesse dalla storia. Un giovane brand straordinario, sopra tutto, perché le cose che amiamo sono così belle nell’essere quello che sono e l’esistenza è una bellezza così calma e diffusa intorno a noi da consentirci di esprimere la nostra espressività creativa attraverso la realizzazione di Sciarpe & Stole incontenibili, ansiose di inserirsi nei vostri Armadi superflui e necessari. I risultati fino ad ora ottenuti premiano l’impegno da noi sostenuto giorno dopo giorno per riuscire a realizzare articoli intriganti, impeccabili, per certi versi audaci, orientati a stupire, o, se preferite, ad essere ammirati con il sorriso delle grandi occasioni, oggi, come domani.

model-workign-with-laptop-backstage-getty
Script

NEVER D LESS Firenze. Brand fashion symbol fondato nel 2012: CEO Maria Chiara Monticelli. Sciarpe & Stole di alta qualità, regali e perentorie, realizzate con filati esclusivi - lino, cotone, ramie, cachemire, seta, prodotti dalla Officina Tessile di Famiglia - e progettate seguendo i corto circuiti di idee del nostro Centro Stile, in sintonia con i dettami hand made della tradizione artigianale fiorentina. Innovazione, ricerca, design liquido, Qualità di Gamma, certo, per una dilatazione dell’ebrezza creativa! Sciarpe & Stole inserite nel superfluo necessario di un guardaroba che i Maestri di Stile, e noi con loro, continuano a definire: “La composizione scientifica di un Armadio arricchito dalla presenza stimolante di mille Accessori”. Per Mille motivi Mille nasciamo Futuristi, movimento artistico italiano del quale condividiamo stimoli creativi, attitudini estetiche glamour, mood dinamici, elettrici e cromatici. Il nostro Meridiano geografico Firenze sottolinea una appartenenza, un esserci rispettoso del fascino della tradizione.

vedovaciclo1962
Emilio Vedova

Per chi, come noi, è schiavo da sempre del Colore, le opere di Emilio Vedova ci confondono i pori della pelle, i quali, confusi dalla forza del segno, perdono il senso dell’altezza e si intrecciano, si sparpagliano, si dilatano nello spazio pelle rendendolo caotico, irriconoscibile, decisamente assai affascinante. La metamorfosi è immediata. In alcuni casi si perde addirittura l’orientamento ed il labirinto rimbomba di suoni impazziti e di atonali glissandi stridenti. Caos creativo. Il caos che adoriamo, che inseguiamo e accompagna, la notte, i nostri sogni scapigliati. La vita è una cosa meravigliosa!

Arianna-Scommegna-in-Cleopatras
Cleopatràs

Il Teatro è vita! Partendo dalle suggestioni dantesche del Canto V dell'Inferno, Giovanni Testori ridona voce e vita alla leggendaria regina d’Egitto Cleopatràs lussuriosa. Sarà ancora la meravigliosa imperatrice capace di terrorizzare e sottomettere interi popoli al suo capriccio, oppure una semplice prostituta di paese che millanta un passato che non è mai esistito? Cosa giunge fino a noi attraverso i secoli al di là della patinata aura del mito? L'opera di Testori, con la sua forza innovativa e prorompente, ci avvicina ad un personaggio che parrebbe distante e difficilmente riconducibile al contesto in cui viviamo. La sua Cleopatràs, interpretata dalla sensuale Anna Scommegna, spogliata degli abiti regali e rivestita solo di carne e sangue, ci parla in un linguaggio crudo e palpitante, violento, dialettale, metafisico.

London Fashion Week, Natural History Museum, BFC Tent.
Backstage at the Michiko Koshino show.
Photo: Edmond Terakopian / PA
Il Rosso è il mio colore preferito!

Lo so, può sembrare una scelta azzarda, comunque sia ho deciso, voglio fare lo Stilista! Da adesso, a partire da questo momento, ogni istante della mia giovane vita sarà dedicato al raggiungimento di questo obiettivo. Dicono occorra il talento. Non ci credo. Dicono sia necessario frequentare scuole prestigiose. Non se ne parla proprio. Dicono anche che senza le opportune conoscenze non si va da nessuna parte. Ma chi lo dice! La qualità del lavoro emerge sempre ed io la penso così. Vedete, in verità, il mio obiettivo recondito è più sofisticato. Non mi intessano gli altri: io voglio vestire solo Lei!

Maria Chiara Monticelli

Maria Chiara Monticelli

CEO
NEVER D LESS Firenze
Alberto Rabagliati

“L’autunno fa cadere tutte le foglie che il vento raccoglie e porta con se”. Incipit un poco triste di una vecchia canzone romantica, memorabile ed evocativa dello scorrere inesorabile del tempo. La musica che accompagna le parole suona semplice, armoniosa e dolce, impossibile non ricordarla. A cantarla sono stati in tanti, tuttavia, a pensarci bene, la mia preferenza cade su Alberto Rabagliati. Lo incontrai ad Ancona, lungo il Viale della Vittoria, all’altezza del Civico 13. Era solo, seduto su una panchina di marmo senza spalliera. Mi avvicinai, gli chiesi se potevo tenergli compagnia, disse sì. Era avanti con gli anni. Parlammo poco. Quando mi alzai lo salutai con dolcezza, ringraziandolo per il tempo concessomi e per il piacere di aver fatto la sua conoscenza. Il nostro tempo era finito. Mi sorrise ed il suo sorriso era senza dubbio un sorriso autunnale.